Coming Soon

  • 88 wallpaper song

    88 WALLPAPER SONG

    da un’idea di / from an idea of
    miss virginie muriki


    Per lungo tempo ho covato il desiderio di dotarmi di una siffatta compilazione. Grazie all’ingegno e alla bontà di 88 fantasiosi musicotappezzieri, la mia minuscola casa moderatamenteditrice, con il prezioso supporto dell’etichetta “a simple lunch”, può finalmente disporre di utilitarie sonorità da parati.

    Nemmeno le più luminose previsioni potevano darmi il quadro di una realtà cosi articolata e variopinta. Dalla popparati song al free tappezz fino al digiparat sound, ogni fonometrica espressione è qui degnamente rappresentata.

    La pubblicazione cade del tutto casualmente nell’anno del centenario (mese più mese meno) della insuperabile composizione d’ameublement “Tapesserie en fer forgé, pour l’arrivée des invités” di Monsieur Éric Alfred Leslie Satie. Ovviamente, ci siamo adoperati perché le coincidenze coincidessero. Mica siamo fatalisti! Il 1917, come peraltro il 2017, è un anno di incontrovertibili rotture. Certo, è anche l’anno in cui il nostro amabile amnesiaco sfoggia “Sonatine Bureaucratique”, meticolosa quanto indifferente composizione presa a prestito dal misurato Clementi. Per non dire di “Parade”, balletto dichiaratamente realista ancorché ballabile. Ma queste sono altre avventure.

    Le 88 parati songs confluite nel bazar muriki, sono l’espressione intima e singolare di tappezzerie sonore casalinghe dotate di funzione arieggiante e rinfrescante, utili per tutti quei locali da tempo in preda a simpatiche muffe e insolite bestioline invertebrate. Non solo, ma le canzoni da parati si attengono anche al principio di non turbamento, vera piaga, come si sa, di ogni affaccendamento. Brevità, discrezione e climatizzazione non sono che alcuni dei principi attivi di cui si nutrono le canzoni da parati. Con giudizio e senza falsa modestia avvallano il sacrosanto diritto dell’orecchio (di qualsiasi orecchio) di preferir loro il silenzio. Non c’è relazione tra canzone e canzone. Eppure queste gemme da parati fluiscono magnificamente l’una sull’altra innescando una processione sonora costituita da brevi e indolori collisioni elettromagnetiche. Un godimento privo di sbracati eccessi. Uno spasso per quanti amano accompagnare il proprio udito a spasso.

    God save the wallpaper song.


    Miss Virginie Muriki

Last Releases