Martedì, 05 Giugno 2018 07:03

The String Theory

La musica qui raccolta è il frutto di un rapporto stretto tra scrittura e pratica interpretativa. Nell’esperienza che mi riguarda il compositore e l’interprete si giustificano e si plasmano a vicenda. Concorrono a formare l’habitat all’interno del quale si muove la mia vita artistica. Così come gli archi dell’Ensemble Conductus, con i quali condivido da anni l’attività concertistica e che sono stati i primi interpreti di molti miei brani.

Il colore e la tecnica degli strumenti ad arco sono per me elementi prediletti del fare musica che, con i colleghi dell’ensemble, ho imparato a declinare a modo mio: paradigma sonoro a cui destinare la scrittura ma anche a cui ricondurre musiche amate che, se pur nate in altri contesti e con altri timbri, ritrovano in questa dimensione una nuova possibile naturalezza. È per questo che qui, insieme alle mie composizioni, sono presenti brani come Mazurka d’Doro (di Isidoro), colto dalla tradizione musicale appenninica tra Genova e il Po, o Flor Formosa, proveniente dall’arcipelago di Capo Verde.

Il titolo The String Theory sorride quindi alla celebre tesi della fisica teorica, che riconduce l’origine del tutto a “entità fisiche fondamentali vibranti”. ‘String’ appunto, parola il cui significato inglese è ‘corda’ e che nel suo plurale definisce anche la famiglia degli archi.

Marcello Fera

 

Conductus is a Latin term for a musical form used in the mediaeval period, and means to conduct or unify.
Ensemble Conductus, a chamber orchestra made up of twelve string players at the forefront of musical activity in the Alto Adige/ South Tyrol, region in Northern Italy, is so named given its ambition of bringing together apparently dissimilar traditions, historical periods and languages and combining them in a single musical setting.

Ensemble Conductus (formed in 1999) has performed numerous world premieres, is very flexible in adapting to new musical ideas and proposals.
Conductus presents a way of thinking and music making that goes beyond the normal expectations of a string ensemble. The group strives to constantly create new emotions and symbiotic energy, be it through contemporary or antique music, intellectual art forms or popular traditions.

www.conductus.it

Pubblicato in Catalogue